Una maratona di letture on line dell’Università di Bologna, il programma regionale  “#laculturanonsiferma” su Lepida tv, la mostra virtuale la “Zona del silenzio” dell’Archivio di Stato di Ravenna, la guida “La valle di Dante, itinerari nelle terre del Lamone”, la pubblicazione on line dell’l’immagine di un frammento di pergamena di un codice miniato nel recto e nel verso della “Divina Commedia” e un denso calendario dell’Ibc per il 2021, con eventi espositivi tra biblioteche e archivi. Così l’Emilia-Romagna risponde presente al “Dantedì”, l’iniziativa istituita dal Mibact in onore del Sommo poeta il 25 Marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della “Divina Commedia”. L’Istituto per i Beni culturali della Regione Emilia-Romagna mette in cantiere un programma espositivo per il grande anniversario dantesco del prossimo anno, i 700 anni dalla morte del poeta. Con una mostra diffusa “A riveder le stelle”, nelle biblioteche e negli archivi dell’Emilia-Romagna per valorizzare manoscritti pregiati e stampe rare, ma anche documenti relativi alla diffusione di opere dantesche come a esempio gli atti notarili ravennati relativi alla famiglia Alighieri. Al centro del progetto Ravenna, sede della tomba di Dante, ma il percorso espositivo viaggerà lungo la via Emilia, da Piacenza a Rimini, coinvolgendo un ampio pubblico di studenti e insegnanti delle scuole. A Bologna coinvolte la Biblioteca dell’Archiginnasio, quella Universitaria e l’Archivio di Stato. La programmazione del festival digitale on line “#laculturanonsiferma” mercoledì offrirà il video “L’ultimo sorriso di Beatrice” – Paradiso XXXIII”, con letture del sindaco di Ravenna Michele de Pascale, di padre Ivo Laurentini direttore del Centro Dantesco, di Pablo Maurette docente all’università di Chicago, di attori, bibliotecari e semplici cittadini. Ad aprire e chiudere la lettura la voce di Vittorio Sermonti e la moglie Ludovica Ripa di Meana, all’interno del Mausoleo di Galla Placidia. Nella seconda parte ci sarà il breve racconto della cerimonia del 698° annuale di Dante, realizzata grazie alla collaborazione con Ermanna Montanari e Marco Martinelli. Sempre on line, mercoled,ì anche la maratona di letture a cura di Giuseppe Ledda, docente di Letteratura italiana dell’Alma Mater, che coinvolgerà docenti di Bologna ma anche scrittori e poeti che in città si sono formati e che ora lavorano altrove. Ciascuno degli ospiti leggerà un verso, una terzina di Dante o di uno scrittore successivo come Boccaccio o Pasolini, che hanno ripreso Alighieri. Le Gallerie Estensi di Modena propongono infine on line una mostra virtuale con immagini della “Divina Commedia” tratte dalle scatole di fiammiferi dell’Editore Formiggini.