Le sequenze sulla Liberazione girate in 16mm dal ventenne parmense Antonio Marchi, ispiratore di Bernardo Bertolucci, recuperate da Home Movies, saranno oggi sonorizzate dal vivo da musicisti come Cabeki, Laura Agnusdei, Xabier Iriondo, Stefano Pilia e Nicola Manzan. Lo speciale live “Memoryscapes Sound Live. Liberazione” sarà dalle 19 del 25 aprile su Lepida Tv e sul Facebook di Home Movies e “Ferrara sotto le stelle”. Girate di nascosto fino al momento della fuga dei tedeschi, le immagini del ventenne Marchi mostrano il rigido e cupo inverno emiliano dell’ultimo anno di guerra, in un momento in cui, come si legge nelle didascalie del film, “forse nemmeno gli uccelli erano liberi”. Alle sequenze lente di paesaggi innevati e disabitati ripresi dal luogo chiuso dove Marchi era nascosto, si contrappongono quelle movimentate della primavera, con il vento che smuove le fronde e i partigiani che invadono le piazze cambia tutto: “col sole e la primavera, un giorno, arrivarono i partigiani”. E poi la paura per i tedeschi in fuga, l’arrivo degli americani, fino alla liberazione filmata a Montechiarugolo. Finalmente si torna in strada dando inizio alle feste e ai balli. Le ultime immagini sono quelle di una campagna attraversata dal vento. Un nuovo inizio. Il film “Il giovane Pertini. Combattente per la libertà” di Giambattista Assanti, prodotto dalla bolognese Genoma Films e da Coop Alleanza 3.0, sarà trasmesso sempre il 25 alle 21 da una trentina di tv, tra le quali Trc Bologna. Tra gli interpreti Dominique Sanda, Massimo Dapporto, Cesare Bocci e Paolo Rossi Pisu, pure produttore, che ha dedicato il film allo scomparso padre Raffaele Pisu, ex partigiano, che avrebbe dovuto interpretare il Pertini anziano. Sino a lunedì 27, poi, su MYmovies si potrà continuare a vedere “The Forgotten Front. La Resistenza a Bologna”, film documentario di Paolo Soglia e Lorenzo K. Stanzani.