Museo Medievale
Via Manzoni 4, ore 17.30
Inaugurazione della mostra “Imago splendida. Capolavori di scultura lignea a Bologna dal Romanico al Duecento” incentrata sull’affascinante e poco studiata produzione scultorea a Bologna tra XII e XIII secolo e presenta per la prima volta alcuni rarissimi capolavori lignei della città, alcuni dei quali restaurati per l’occasione.

Palazzo Fava
Via Manzoni 2
Da oggi al 16 febbraio nella sede di Genus Bononiae è allestita la mostra “I fregi dei Carracci in dialogo con la modernità” che presenta 31 opere di arte moderna e contemporanea dalla collezione Fondazione Carisbo in dialogo coi fregi carracceschi.

Biblioteca dell’Archiginnasio
piazza Galvani 1, ore 12
Inaugurazione e presentazione della mostra “Pane e salame. Immagini gastronomiche bolognesi dalle raccolte dell’Archiginnasio”. Curata da Alessandro Molinari Pradelli l’esposizione è dedicata a due elementi fondamentali e caratteristici della gastronomia petroniana, il pane e i salumi. La loro evoluzione storica verrà illustrata nelle undici bacheche attraverso disegni, incisioni, libri, opuscoli e bandi. Partendo, per esempio, dalle celebri incisioni di Annibale Carracci delle Arti per via, e passando per la copiosa produzione artistica di Giuseppe Maria Mitelli, arriveremo fino al Novecento, con i disegni di Alessandro Cervellati.

Mast Auditorium
Via Speranza 42
Ore 18 Francesco Zanot dialoga con l’artista Dèlio Jasse, uno dei protagonisti di Foto/Industria che espone le sue opere nella mostra “Arquivo Urbano” alla Fondazione del Monte. Délio Jasse è nato nel 1980 a Luanda, in Angola e vive e lavora a Milano. La sua opera fotografica intreccia spesso immagini trovate con indizi di vite passate (foto di passaporti, album di famiglia reperiti casualmente) per tracciare collegamenti tra la fotografia, in particolare il concetto di “immagine latente”, e la memoria.
Per il cinema di Foto/Industria alle 20.15 proiezione di “Another day of life” di Raúl de la Fuente e Damian Nenow. «Fai in modo che non ci dimentichino». È questo l’imperativo che risuona nella mente del reporter Ryszard Kapuściński mentre nel 1975 percorre le strade sterrate e i villaggi dell’Angola in piena guerra civile per raccontare al mondo le storie di chi sta vivendo quei tragici giorni. Alle 22 proiezione di “Touki Bouki” di Djibril Mambéty. Mory e Anta sono due adolescenti irrequieti. Il primo è un pastore, ma da quando le sue mandrie sono state mandate al mattatoio erra solitario in moto per la città. La seconda ha fatto suoi gli atteggiamenti provocatori della classe studentesca dell’epoca. I due ragazzi si incontrano a Dakar e, alienati e delusi da quel luogo, decidono di partire. Negli occhi, nelle parole di una canzone, nel cuore hanno Parigi.

QR Photogallery
Via Zanotti 17, ore 18
Inaugurazione della mostra “SINestESIA. Fotografia contemporanea dell’Europa dell’Est” a cura di Jana Liskova con gli scatti di  Andrej Balco, Valeriy Bukhnin, Alessandro Padalino, Benedetta Ristori, Alessandro Treggiari, Marietta Varga, Oksana Yushko. SINestESIA rappresenta una ricerca sul paesaggio in mutamento dell’Europa dell’est. Un paesaggio che rappresenta un’ideologia, una metafora sospesa. La mostra svela ai nostri occhi  il brutale stile architettonico, le piazze funzionali, i grandi blocchi abitativi, ma anche le forme più libere delle costruzioni a uso culturale dove gli architetti hanno potuto sperimentare forme e soluzioni tecniche ardite, che mostrassero la grandiosità e l’austerità dei regimi totalitari che le commissionarono.