A Reggio Emilia una mostra prova a rivelare i significati profondi dell’ornamento, inteso non più solo come superficiale abbellimento. La mostra “What a wonderful world. La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura”, da oggi all’8 marzo nei Chiostri di San Pietro e a Palazzo Magnani, ripercorrerà l’azione ornamentale attraverso 200 opere. Attraversando più di duemila anni di storia dell’arte, dall’età romana al Medioevo fino ai giorni nostri, con opere di autori quali Dürer, Leonardo, Escher, Picasso, Matisse, Warhol e Haring. A una prima sezione con collezioni di zoologia e antropologia insieme a coloratissimi disegni e stampe di Jacopo Ligozzi ed Ernst Haeckel, fanno seguito indumenti e accessori utilizzati da sempre per adornare il corpo, dai ritratti di epoca rinascimentale del Moretto ai costumi tribali nelle fotografie di Malcolm Kirk.