Sui trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino si appunta anche la nuova edizione, la quindicesima, di “Politicamente scorretto”, dal 18 al 24 novembre in vari luoghi di Casalecchio di Reno. Un’edizione, la quindicesima, sempre connCarlo Lucarelli come testimonial e nel segno di Andrea Camilleri e del tema “Oltre il muro?”, su cui verteranno tutti gli appuntamenti, nel segno della memoria, dell’impegno civile e della legalità. Le risposte saranno soprattutto culturali, come è tradizione di un’iniziativa che ai linguaggi della letteratura e del teatro, praticati in passato, quest’anno affianca anche il cinema. Grazie alla collaborazione con il “Premio Mutti AMM”, intitolato al bolognese Gianandrea Mutti, collaboratore della casa di distribuzione Bim scomparso nel 2008, che consente a registi di origine straniera di realizzare un proprio progetto. Con le proiezioni, martedì 19 e mercoledì 20, dei film “Per un figlio” e “Va’ pensiero”, precedute da incontri con i registi, la presidente degli “Amici di Giana” Laura Traversi e il direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli.

La criminalità organizzata tra Nord e Sud è il tema di molti libri, a partire dall’”Atlante illustrato di Cosa Nostra” di Giovanni Tizian, che parlerà anche degli scenari aperti dalla recente sentenza “Black Monkey”. Fino a “I mille giorni di Aemilia” di Tiziano Soresina e “Statale 106” di Antonio Talia, mentre “La controfigura” di Luigi Lollini tratteggia in forma semibiografica il percorso di vita di un estremista di destra. Ascanio Celestini, sarà invece in scena al Teatro Betti venerdì 22 con la riproposizione della storica “Radio clandestina”.

La serata di sabato 23 novembre a Spazio Eco combinerà invece teatro e graphic novel con “Escobar. El patron”, spettacolo tratto da una storia di Guido Piccoli disegnata da Giuseppe Palumbo. Nel programma anche una mostra di manifesti pacifisti in collaborazione con il Centro di documentazione del manifesto pacifista, che proprio a Casalecchio conserva la più grande raccolta al mondo di questo tipo di documenti. Oltre ai 26 incontri e ai 34 ospiti previsti, resterà alta l’attenzione da sempre riservata alle scuole mentre il tradizionale “Primo piatto della legalità”, tutto fatto di ingredienti di Libera Terra coltivati sui terreni sottratti alle mafie, martedì 19 verrà portato in tutte le mense scolastiche di Casalecchio e Zola Predosa. Nel pomeriggio dello stesso giorno il dovere della memoria verrà raccontato da ospiti come Antonio Vassallo, figlio del sindaco di Pòllica ucciso nel 2010, e culminerà nell’inaugurazione di un murale realizzato nella Casa della Solidarietà.

www.politicamentescorretto.org

Piero Di Domenico